Cilento for you

Seguiamo il visitatore in ogni sua esigenza e siamo in grado di risolvere anche quelle necessità che si dovessero presentare all’ improvviso, perché sappiamo come e dove andare a ricercare la giusta soluzione.

Image Alt

Sala Consilina

Info generali

Sala Consilina è un comune italiano di 12 540 abitanti della provincia di Salerno in Campania.Situato sul lato orientale del Vallo di Diano, dista 85km da Salerno e appena 50km da Potenza.

Storia
È il centro più grande del Vallo di Diano, popolato certamente già dal IX secolo a.C., come testimonia la vasta necropoli. Sono di epoca romana le notizie sul centro di Consilinum, da cui ebbe origine l’odierna Sala Consilina, eretta durante la colonizzazione longobarda. Al periodo della dominazione normanna risalgono le chiese di San Leone IX, Santo Stefano e Sant’Eustachio. Nel 1246 Federico II distrusse la città per vendicarsi di una congiura. Gli Aragonesi, nel 1497, la distrussero per lo stesso motivo. Nel Seicento, Sala Consilina diventa sede vescovile. A questa fase risalgono la Grancia di San Lorenzo, la Chiesa di San Pietro, i palazzi signorili dei Gatta, dei Vairo e dei Bigotti. Nel XVIII secolo numerosi altri palazzi vennero edificati, come quelli delle famiglie: Acciari, Grammatico, Bove, Falcone e Caratù.
Dal 1806 al 1860 è stato capoluogo dell’omonimo distretto del Regno delle Due Sicilie.
Dal 1860 al 1927, durante il Regno d’Italia è stato capoluogo dell’omonimo circondario.

Monumenti e luoghi di interesse

Architetture religiose

• Chiesa della Santissima Annunziata
• Cappella di San Giuseppe (1700)
• Chiesa di Santo Stefano (XII secolo), al suo interno sono conservati i dipinti Madonna della Consolazione con i Santi Agostino, Stefano, Maria Maddalena e Monica e Madonna delle Grazie e Santi Onofrio e Carlo Borromeo del pittore seicentesco Pietrafesa.
• Grancia di San Lorenzo
• Chiesa di San Pietro (ricostruita ex novo intorno al 1950)
• Chiesa di Sant’Anna
• Chiesa di Sant’Antonio
• Chiesa di Sant’Eustachio (1130)
• Chiesa della SS. Trinità
• Chiesa di S. Rocco

Architetture civili

• Palazzo Grammatico (1722)
• Palazzo Acciaro (1735)
• Palazzo Bove (XVII secolo)
• Palazzo Vannata (XVIII secolo)
• Palazzo Romano (XVIII secolo) Area di servizio ENI (XX secolo)
• Palazzo Benvenga
• Palazzo Mango
• Palazzo 61 (1961)
• Palazzo sant’Antonio
• Palazzo Vaino (1765)
• Palazzo Bigotti
• Palazzo Falcone

Architetture militari

• Castello normanno e sue mura di cinta (1250 circa)

Prodotti tipici

Antipasto

La treccia di fior di latte

Unico

La cuccija

Unico

Pizzatulieddi

Vari

Orvula

Dolce

I cavati fritti valligiani

Infrastrutture

A livello stradale Policastro può contare su 2 superstrade a corsia semplice: la variante della SS 517 conduce a Sanza e Padula (al relativo svincolo autostradale Padula-Buonabitacolo sulla A3 Napoli-Reggio Calabria).
Recentemente (2006) è arrivato anche l’allaccio della tratta finale della variante della SS18. Tale strada collega piuttosto celermente Policastro a Vallo della Lucania, Agropoli, Battipaglia e Salerno.

La stazione ferroviaria si trova in paese, sulla linea Napoli-Salerno-Reggio Calabria, ed è molto frequentata d’estate. La stazione ha corse di treni a cadenza oraria, composte da regionali, diretti ed interregionali, principalmente nella tratta Napoli-Cosenza.

Contattaci

Hai bisogno di qualche informazione? Mandaci una mail a info@cilentoforyou.it oppure contattaci attraverso il contact form del sito, ti risponderemo al più presto.

Post a Comment

14 + diciannove =

You don't have permission to register