Cilento for you

Seguiamo il visitatore in ogni sua esigenza e siamo in grado di risolvere anche quelle necessità che si dovessero presentare all’ improvviso, perché sappiamo come e dove andare a ricercare la giusta soluzione.

Image Alt

Camerota

Info generali

Camerota (Cammarota in dialetto cilentano) è un comune italiano di 7.103 abitanti della provincia di Salerno in Campania. Chiamata anche “Camerota alta” o anche “Camerota paese” per distinguerla dalla frazione Marina di Camerota, poiché, per abbreviare, viene appellata come solo “Camerota” quando, invece, si vuole indicare la frazione “Marina di Camerota”. L’abitato si presenta come un paese caratterizzato da una forte impronta medioevale, il centro storico è ben delineato e sono ancora visibili numerosi edifici risalenti a quell’epoca.

L’abitato di Camerota si trova nel Cilento meridionale e sorge in collina, lungo la strada provinciale che collega Marina di Camerota a Licusati per poi congiungersi alla SS 562 nei pressi di San Severino (frazione di Centola). Da Marina dista 5 km, da Licusati 4 e da Lentiscosa, vicina in linea d’aria e congiunta tramite sentiero, circa 9 km di strada carreggiabile. Sede di un eliporto, ha i rilievi più vicini nei monti Timpa Pistillo (723 m, ad est), S. Antonio (507 m, a sud-ovest) e Croce del Calvario (643 m, a nord-ovest). Rientra nel territorio del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano. La fascia costiera misura 32 km, lungo la quale ci sono molte insenature, grotte e spiagge. La popolazione del comune si concentra soprattutto nella località balneare di Camerota, ovvero l’abitato di Marina di Camerota. Seguono per popolazione la frazione di Licusati (1.815), Camerota (1.415) e infine la frazione di Lentiscosa (1.221).

Il suo nome deriva molto probabilmente dal greco καμαρὸτος (traslitt. kamaròtos, “ricurvo”) o dal latino Camurus (“incurvato”)[3].In entrambi i casi si riferisce alle numerose grotte calcaree, in cui ad oggi è possibile trovare reperti archeologi risalenti all’era Paleolitica. Infatti il territorio è uno dei luoghi più importante in Italia per lo studio della cultura preistorica lungo la costa. Si trovano persino resti di ippopotami come preda della caccia.
Una spada di bronzo è stata trovata sul territorio, ma ci sono pochissime tracce di frequentazione durante il periodo della colonizzazione greca e dell’Impero Romano.
Dopo la caduta dell’Impero Romano d’Occidente nel V secolo, i pochi ritrovamenti attestano di un territorio scarsamente popolato. Solo a Policastro, vicino al territorio, si trova traccia di un tentativo di ricostruzione delle fortificazioni e della chiesa episcopale con il suo bell’abside trichoro bizantino del VI secolo. Nel secolo successivo le regioni dell’entroterra cadevano sotto la dominazione longobarda, mentre la dominazione navale dell’Impero Romano da Costantinopoli assicurava il minimo di vita urbana a posti fortificati lungo la costa, come a Policastro, Molpa e Agropoli. La lingua amministrativa, militare ed ecclesiastica nell’enclave imperiale era greca come già a Costantinopoli. I monaci, che troviamo nei secoli successivi dalla Calabria settentrionale fino a gran parte del Cilento, erano di lingua greca, ma in genere erano italiani nativi del Mezzogiorno e di conseguenza sono denominati italo-greci.
Con il diffondersi della cultura musulmana nel VII secolo, che acquistò forza navale di Siria ed Egitto, la dominazione romana del mare venne penalizzata e l’intera geopolitica del Mediterraneo cambiò.
Nell’alto medioevo il territorio strategico di Camerota era una zona di confine fra il longobardo Principato di Salerno e l’imperiale thema di Calabria bizantino. La regione nell’alto medioevo, scarsamente popolata, ospitava eremiti italo-greci che occupavano le grotte come quella di San Biagio. Insediamenti rurali nascevano vicino alle badie italo-greche di San Cono(one) e di San Pietro a Licusati prima dell’inizio dell’XI secolo. Nella badia vicino a San Giovanni a Piro esisteva uno scriptorium già noto dal 1020, dove si trascrivevano codici in greco bizantino. Non ci sono indizi che il territorio di Camerota fosse integrato nella notevole espansione economica e demografica del principato longobardo. Non si sa nemmeno se i longobardi a Camerota avevano creato una fortificazione con una guarnigione. Però si sa che con l’avvento dei normanni il territorio cominciava ad essere popolato e capace di produrre ricchezza.
Dopo la conquista di Salerno ad opera dei Normanni nel 1076, appare una famiglia signorile nel territorio, con consistente proprietà nel Cilento. Florio di Camerota era un funzionario reale molto in vista nel Regno di Sicilia durante la seconda meta del XII secolo.
Essendo un territorio strategico, Camerota ha sofferto molto durante la guerra dei Vespri Siciliani alla fine del XIII secolo, che termina con la divisione del Regno fra la parte di Napoli e quella di Sicilia.
Nel 1552 la cittadina è devastata e saccheggiata dai Turchi del raìs Dragut. Nel 1647 la città, cavalcando la sommossa di Masaniello, si solleva contro il proprio signore e nel 1828 aderisce ai moti cilentani soffocati dai Borboni. Conseguentemente vengono fatte edificare dal viceré di Napoli le Torri di vedetta, che sono tuttora visibili.
Dal 1811 al 1860 è stato capoluogo dell’omonimo circondario appartenente al Distretto di Vallo del Regno delle Due Sicilie.
Dal 1860 al 1927, durante il Regno d’Italia è stato capoluogo dell’omonimo mandamento appartenente al Circondario di Vallo della Lucania.

Le Frazioni

Marina di Camerota

Marina di Camerota è la frazione camerotana più popolosa, con circa 3.500 abitanti. Situata ad 8 km da Palinuro, è una località balneare rinomata e in più occasioni premiata anche col riconoscimento “Bandiera Blu”. La fascia costiera del comune di Camerota si estende dalla “Grotta del Ciclope” (non lontana da Palinuro) alla spiaggia delle Lentiscelle. La frazione è inoltre dotata di un porto, frequentato da pescherecci e aliscafi, in continua evoluzione strutturale nonché uno dei più grandi nel Cilento e nella provincia di Salerno. Di particolare interesse turistico sono le grotte paleontologiche e il MUVIP – Museo Virtuale del Paleolitico.

Lentiscosa

Lentiscosa è una frazione del Comune di Camerota citata già in documenti dell’anno mille; la toponomastica è in larga misura longobarda. Con circa 400 abitanti
Il suo territorio si estende dal Porto degli Infreschi (un porto naturale caratterizzato da grotte e piccole spiagge) a sud-ovest, toccando a nord la località Chiano (oltre 400 metri dal livello del mare, confinante con una valle scoscesa verdeggiante) fino ad arrivare alla Spiaggia delle Lentiscelle a sud-est.
Di particolare importanza è la chiesa parrocchiale di Santa Maria delle Grazie. Ampliata nel 1493, è giunta fino ai giorni nostri attraverso continui restauri. La cupola è stata recentemente ricoperta con maioliche bicolore seicentesche riprendendo quelle preesistenti.
Più recente (1656) è la chiesa di Santa Rosalia, patrona del centro, eretta sulla collina omonima. Qui ogni anno si svolge una celebrazione in suo onore in quattro giorni, dal 1º al 4 settembre. All’interno dell’antico borgo è situata la piccola chiesa di Santa Maria dei Martiri con dipinti di sapore basiliano. Nel paese ci sono le cappelle dedicate a Santa Sofia, a Sant’Antonio, alla Madonna di Piedigrotta e infine a San Lazzaro, già Santa Maria di Porto Salvo. Interessanti alcuni portali nel centro storico.
Nell’agosto del 2013 la spiaggia di Cala Bianca, nel territorio di Lentiscosa, è stata insignita della qualifica di Spiaggia più bella d’Italia, arrivando prima nella classifica di Legambiente.

Licusati

Licusati (già comune) è una frazione collinare, situata a circa 4 km da Camerota e 9,5 dalla “Marina”, sulla strada provinciale che da Marina di Camerota porta al ricongiungimento con la strada statale 562 dir., a 2 km da San Severino (frazione di Centola, sede della sua stazione ferroviaria). L’abitato, di circa 2.500 abitanti, sorge a 260 m s.l.m., ai piedi del monte Croce del Calvario (643 m), e si estende in una vallata dove sorgono migliaia di piante di olivo (detto Pisciottano). A meno di 2 km da Licusati si trova il santuario della Santissima Annunziata che si festeggia il 18 maggio e l’8 settembre.

Monumenti e luoghi di interesse

Monumenti e luoghi d’interesse

• Chiesa di Santa Maria delle Grazie in piazza Santa Maria a Camerota.
• Chiesa di San Nicola di Bari in piazza San Vincenzo a Camerota.
• Chiesa di San Daniele Profeta, situata nell’omonima piazza a Camerota: di rito greco fino al XVIII secolo circa, è la più antica ed è stata arcipresbiterale fino agli ultimi decenni del XX secolo.
• Santuario di Sant’ Antonio detto del Gualano, situato sul monte omonimo a Camerota.
• Cappella del Carmine situata a Camerota.
• Castello medioevale di Camerota situato in piazza Vittorio Emanuele III.
• Museo della Civiltà Contadina e dell’Artigianato, situato sopra la chiesa di San Nicola a Camerota.
• Costa degli Infreschi a Lentiscosa
• Zona archeologica di Marina di Camerota, con le sue grotte preistoriche.
• Cappelle rupestri di San Biagio e nel rione di San Vito a Camerota.
• Porta di Suso situata a Camerota, sotto la piazza antistante il castello medioevale.
• Santuario della Santissima Annunziata a Licusati.
• Teatro Kamaraton a Camerota, situato sotto il castello.
• Cala Bianca di Lentiscosa (Eletta da un sondaggio di Legambiente “Spiaggia Più Bella d’Italia 2013”).
• Porto degli Infreschi situata a Lentiscosa (Eletta da un sondaggio di Legambiente “Spiaggia Più Bella d’Italia 2014”).
• Grotta della Cala o del Paleolitico

Chiesa di Santa Maria delle Grazie

La chiesa di Santa Maria delle Grazie a Camerota risale al XVI secolo (la chiesa di San Daniele Profeta risale alla seconda metà dell’XI secolo e la chiesa di San Nicola di Bari al 1458). All’interno vi sono tele, rappresentanti la vita di Gesù, dipinte nel 1989 dall’artista camerotano Rosalbo Bortone. All’interno sono presenti molte statue, tra cui quella della Santa Vergine Maria e quella del Santo Patrono San Vincenzo Ferreri.

Castello medioevale

Mancano saggi di scavi archeologici per lo studio storico del castello. Il maschio principale apparterrebbe al periodo normanno (tardo secolo XI – inizio secolo XII). Insieme con la Chiesa italo-greca di San Daniele Profeta, formava l’asse originale del più antico rione del paese (si veda la tesi di laurea dell’architetto Innocenzo Bortone). Oggi rimangono solo le mura di cinta con il fossato, le torri e i resti della cappella all’interno. Durante il saccheggio del 1552 fu dato alle fiamme. Il castello, baronale prima e marchesale dal XVI secolo, dimora delle diverse famiglie feudatarie che si sono succedute, è attualmente visitabile. Durante i lavori di riqualificazione della piazza a cui si affaccia, sono state rinvenute camere con al loro interno delle ossa, le prime stime si attestano intorno al 1700, attualmente sono incorso gli scavi archeologici [5] [6].
Cappella rupestre
Nel rione San Vito, nella zona adiacente il seicentesco Convento dei Cappuccini con la chiesa di san Francesco, vi è una serie di grotte a forma cubica risalente presumibilmente al 700 d.C. Le varie grotte sono distribuite in circa 10-20 metri e sono apparentemente connesse fra di loro tramite piccoli tunnel di cui ancora non si conosce l’uso.

Teatro Kamaraton

L’anfiteatro Kamaraton, in località Traforo sottostante il castello medioevale, viene edificato nel 1997 ed è utilizzato per concerti e spettacoli teatrali. Unico nel Cilento se non in tutta Italia per via della sua peculiarità, ovvero il teatro è interamente costruito con fossili di selce.

Museo Civico di Camerota

Si tratta di un Museo della Civiltà Contadina e dell’Artigianato, la cui visita è gratuita. All’interno vi è raccontata tutta la storia di Camerota attraverso foto e oggetti dall’Unità d’Italia fino ad oggi. Il sito del museo, dal XVI alla metà del XX secolo, ha ospitato il Carcere del Comune.

Prodotti tipici

Minestra

A ‘Mnestra ‘Mmaretata - la minestra sposata

Primo

Linguine ai ricci di mare

Piatto unico

Maracucciata

Secondo

Frittelle con le acciughe

Dolce

Struffoli

Infrastrutture

• Strada Regionale 562/b S.Giovanni a Piro-Lentiscosa-Marina di Camerota.
• Strada Regionale 562/c Marina di Camerota-Innesto ex SS 447(Centola).
• Strada Regionale 562/dir Innesto ex SS 562(Palinuro)-Innesto SP 17(S.Severino).
• Strada Provinciale 66 Innesto Statale Mingardina-Licusati-Camerota-Marina di Camerota.
• Strada Provinciale 164 Innesto SP 66-Camerota.

Contattaci

Hai bisogno di qualche informazione? Mandaci una mail a info@cilentoforyou.it oppure contattaci attraverso il contact form del sito, ti risponderemo al più presto.

Post a Comment

3 × 5 =

You don't have permission to register