Cilento for you

Seguiamo il visitatore in ogni sua esigenza e siamo in grado di risolvere anche quelle necessità che si dovessero presentare all’ improvviso, perché sappiamo come e dove andare a ricercare la giusta soluzione.

Scopri le attività da svolgere

Grazie alle dimensioni ed alla morfologia del territorio che parte dal mare ed arriva sino alla vetta più alta della Campania, attraversando il Parco Nazionale più ampio d’Italia e due tra le Riserve Marine protette più interessanti, il Cilento apre le sue braccia alla più diversificata popolazione di visitatori e si augura che tutti, prima che amarlo, lo rispettino.
Il Cilento e la sua Cultura sono il paradiso degli amanti della gastronomia più semplice, ma nello stesso tempo più gustosa: la Dieta Mediterranea che nata a Pioppi, un piccolo borgo nei pressi della più nota Acciaroli, oggi é nota in tutto il mondo per l’equilibrio dei suoi valori nutritivi.
Il Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano ed Alburni è il paradiso per gli amanti della Natura e del trekking; i borghi medievali che fanno da corona alla costa, meritano di essere visitati per conoscerne la semplicità e l’accoglienza della gente e la bellezza antica che li contraddistingue.
I torrenti ed i fiumi che lo attraversano possono ospitare amanti del rafting e del torrentismo, mentre le numerose grotte, dalle più note alle più sconosciute, possono dare il via a percorsi speleologici guidati in piena sicurezza.
Molti si chiedono come mai un territorio cosi ricco di offerta turistica, sia così povero di frequentatori: la domanda sarebbe da rivolgere a chi ritiene di gestire in modo politicamente egregio il nostro territorio pur ignorando cosa significhi realmente essere un territorio a valenza turistica.

Turismo Balneare

Gli oltre ottanta chilometri di costa diversa per tipologia ed habitat, regalano agli amanti del mare, acque incontaminate e spiagge sabbiose o rocciose, ma tutte dotate del fascino che solo le cose preziose hanno.
In questi ottanta chilometri sono presenti annualmente, ormai da decenni circa tredici località insignite di bandiera blu ed alcune anche delle vele di lega ambiente. A voi la scelta di quale angolo di mare tuffarvi.

Turismo Naturalistico

Il Cilento è in gran parte Parco Nazionale ed abbraccia in questa denominazione, anche il Vallo di Diano e gli Alburni che, considerando le due Aree Marine Protette di Punta Licosa e della Masseta e Baia degli Infreschi, fanno del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano ed Alburni (PNCVDA), il primo parco Nazionale per dimensioni. Chiaramente, in tale contesto, la Natura domina in ogni angolo, anche il più nascosto, offrendo a tutti la possibilità di scoprire una vegetazione variegata e dai mille colori e profumi che, specialmente in primavera, offre il meglio di sé.
La presenza di Oasi WWF che cura e protegge angoli incontaminati del nostro amato Cilento, nonché una naturale tendenza e proteggere l’ambiente (almeno in gran parte del Cilento) daranno a tutti la possibilità di osservare come la varietà delle piante presenti sia talmente ampia da colpire lo sguardo dei visitatori più esperti ed attenti. Non dimenticate di visitare da fine aprile ad inizio giugno lo sfavillante spettacolo della Valle delle Orchidee a Sassano

Consulta il catalogo degli Itinerari Naturalistici

Trekking naturalistico

Il trekking, da molti anni, grazie all’arrivo dei primi tedeschi ed olandesi nel nostro territorio, è fonte di visite sempre più numerose di amanti delle passeggiate, da quelle più semplici ad altre più complesse, ma sempre portatrici dello stesso fascino.
Noi di Cilento For You, siamo in grado di reperire guide esperte per ogni tipologia di percorso prescelto, in ogni zona del Cilento, e voi scoprirete, in estrema sicurezza, ogni angolo ed ogni suggestione che il Cilento ha in serbo per voi.
Il Trekking nel Cilento, più che in altri posti, permette, passeggiando in luoghi incontaminati, di ripercorrere sentieri percorsi da Popoli di altri mondi e culture e di incontrare, quindi, i resti storici di quelle cultur: chiese basiliane, fortini romani, le vie dei briganti dei moti rivoluzionari, satue scolpite nella roccia (l’Antece degli Alburni) Santuari nelle grotte (S. Angelo a Fasanella),le case di campagne dove sono nati i primi prodotti derivati dal latte come il cacio ricotta, la “mozzarella nella mortella”, i fichi essiccati e tanti, tanti altri. Sarà quindi un trekking esplorativo non solo dal punto di vista naturalistico, ma forse soprattutto storico-culturale. Le difficoltà dei percorsi sono di ogni livello, ma tutti percorribili in estrema sicurezza con le giuste guide autorizzate.

Consulta il catalogo Tre Grotte

Consulta il catalogo trekking

Diving

Il diving, per la purezza e la varietà dei fondali della costa cilentana, è senza alcun dubbio, una delle attività con le maggiori attrattive di appassionati nel Cilento, soprattutto nei periodi di minore frequentazione dei turisti estivi. Le due riserve marine protette della Masseta e di Punta Licosa, insieme alle grotte subacquee di Capo Palinuro, grazie alla presenza di una fauna ricca di specie rare e di fondali integri sono mete privilegiate degli amanti di tale attività. Scuole ed associazioni di sport subacquei sono presenti in molte delle località costiere del Cilento e sono in grado di assistere esperti e principianti alla ricerca di un turismo diverso, ma affascinante ed emozionante.

Turismo Gastronomico

Il Cilento, Patria della Dieta Mediterranea, ha nella gastronomia la forza per soddisfare ogni palato, con pietanze semplice, ma gustose, povere di fronzoli, ma ricche di profumi e sapori.
In ogni piccolo borgo potrete gustare il piatto locale, oppure ordinare la stessa pietanza che sarà diversa da quella gustata in un altro borgo. Questo perché i condizionamenti storico-culturali sono stati diversi di località in località, lasciando quindi residui diversi anche nella cultura culinaria.
I principali prodotti della cucina cilentana sono: i “Ceci di Cicerale”, i ”Fagioli di Controne”, il Fico Bianco del Cilento, la soppressata di Gioi, il Carciofo bianco di Pertosa ed altri ancora
Da qualche anno è nata e si sta sviluppando la cultura del vino. Sino a qualche decennio fa, ognuno produceva il vino per il consumo personale, incurante delle tipologie di uve presenti: oggi, grazie a qualche precursore, si è sviluppata la produzione di vini DOC e DOCG.
Lo stesso dicasi per la produzione dell’olio che ha raggiunto livelli qualitativi d’importanza nazionale.

Consulta il catalogo gastronomia

You don't have permission to register